TUTELA PATRIMONIALE: la sicurezza prima di tutto.

La polizza come completamento del testamento:
– Possibilità di assegnazione della “quota disponibile” fuori dall’asse ereditario, nel rispetto dei legittimari
– Possibilità di integrare gli importi trasmissibili, con polizze di puro rischio;
– Privacy: mantenere segreta l’identità del beneficiario.

La polizza come alternativa al testamento:

In mancanza di testamento, è possibile ovviare al rischio che tutte le sostanze siano soggette alla successione “per legge”
– Mantenimento della disponibilità della designazione nel rispetto delle quote di legittima;
– Privacy: mentre l‘erede testamentario diviene noto con la pubblicazione dell’atto, il beneficiario di polizza può rimanere nell’anonimato.

VANTAGGI FISCALI

– Compensazione fra plus e minusvalenze;
– Tassazione agevolata in caso di investimento in titoli di stato (white list) che beneficiano di tassazione ridotta;
– Tassazione differita.

Fiscalità favorevole in caso di decesso dell’assicurato:

– Sull’importo corrisposto non si applicano le imposte sui redditi sulla quota parte relativa alla copertura del rischio demografico ( ex art. 34,ultimo comma, Dpr 601/73)
– Gli importi corrisposti sono esclusi dall’imposta di successione (ex art. 12, comma 1, lett c del D.lgs. 346/1990).