DIVERSIFICAZIONE

E DECORELAZIONE

DIVERSIFICAZIONE E DECORELAZIONE

Molti risparmiatori hanno capito a fondo in questi ultimi anni cosa significhi diversificare, e quanto questo sia utile per diminuire i rischi economici e finanziari.

Per rendere la diversificazione ancora più efficace, è necessario considerare però anche il concetto di decorrelazione.

 

In finanza, un investimento si dice direttamente correlato con un altro quando i loro rendimenti si muovono in modo omogeneo (entrambi al rialzo o entrambi al ribasso) o inversamente correlato quando, se il primo va al rialzo, il secondo va al ribasso - e viceversa -. Un investimento è invece detto decorrelato rispetto a un altro quando le variazioni dei rispettivi rendimenti non sono collegate. In un portafoglio, investimenti direttamente correlati aumentano il rischio complessivo, quelli decorrelati lo riducono.

Si pensi a due investimenti alternativi, il primo un’azienda attiva nel settore dei trasporti (Lufthansa), il secondo in quello energetico (ENI). La diversificazione è evidente, ma anche la decorrelazione: si presume infatti che un aumento del prezzo del greggio faccia male ai bilanci ENI ma sia positiva per i bilanci Lufthansa. In questo la correlazione è addirittura inversa.

 

 

 

Alberto Centofante